top of page
  • Writer's pictureDott. Caglieri Simone

SCADENZA IMPOSTE: PROROGA DEI VERSAMENTI AL 20 LUGLIO

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha reso noto che con “una prossima disposizione normativa” verrà disposta la proroga del termine per i versamenti delle imposte dal 30/06/2023 al 20/07/2023, senza la maggiorazione dello 0,4%, per i contribuenti che rispettano i seguenti requisiti:

  1. Esercitano attività economiche per le quali sono stati approvati gli indici sintetici di affidabilità fiscale (ISA), compresi quelli aderenti al regime forfetario o dei c.d. “minimi” o che presentano altre cause di esclusione dagli ISA (es. inizio o cessazione attività, non normale svolgimento dell’attività, determinazione forfettaria del reddito, ecc.);

  2. Dichiarano ricavi o compensi di ammontare non superiore al limite di 5.164.569,00 euro.

La proroga è rivolta anche ai soggetti che:

- partecipano a società, associazioni e imprese soggette agli ISA;

- devono dichiarare redditi “per trasparenza”, ai sensi degli artt. 5, 115 e 116 del TUIR.

Ciò significa che possono beneficiarne anche:

- i soci di società di persone;

- i collaboratori di imprese familiari;

- i coniugi che gestiscono aziende coniugali;

- i componenti di associazioni tra artisti o professionisti (es. professionisti con studio associato);

- i soci di società di capitali “trasparenti”.

Sono invece esclusi dalla proroga i contribuenti che svolgono attività agricole e che sono titolari solo di redditi agrari ai sensi degli artt. 32 ss. del TUIR (cfr. risposta a interpello Agenzia delle Entrate 2.8.2019 n. 330) e i soggetti IRES che hanno termini ordinari di versamento successivi al 30/06/2023 a seguito della data di approvazione del bilancio. Ad esempio, considerando una società di capitali con esercizio sociale coincidente con l’anno solare chiuso il 31/12/2022 e approvazione del bilancio 2022 il 22/06/2023, i termini di versamento del saldo relativo al 2022 e del primo acconto del 2023 scadono il 31/07/2023, senza la maggiorazione dello 0,4%, oppure il 30/08/2023 con la maggiorazione dello 0,4%.

I versamenti soggetti a proroga sono:

  • il saldo 2022 e l’eventuale primo acconto 2023 dell’IRPEF, dell’IRES e dell’IRAP;

  • il saldo 2022 dell’addizionale regionale IRPEF;

  • il saldo 2022 e l’eventuale acconto 2023 dell’addizionale comunale IRPEF;

  • il saldo 2022 e l’eventuale primo acconto 2023 della “cedolare secca sulle locazioni”;

  • il saldo 2022 e l’eventuale primo acconto 2023 dell’imposta sostitutiva (15% o 5%) dovuta dai lavoratori autonomi e dagli imprenditori individuali rientranti nel regime fiscale forfettario ex L. 190/2014;

  • il saldo 2022 e l’eventuale primo acconto 2023 dell’imposta sostitutiva del 5% dovuta dai lavoratori autonomi e dagli imprenditori individuali che adottano il regime dei c.d. “contribuenti minimi” (art. 27 co. 1 del DL 98/2011);

  • il saldo 2022 e l’eventuale primo acconto 2023 della c.d. “tassa etica”;

  • le altre imposte sostitutive (es. per la rivalutazione dei beni d’impresa, capital gain in regime di dichiarazione) o addizionali che seguono gli stessi termini previsti per le imposte sui redditi;

  • il saldo 2022 e l’eventuale primo acconto 2023 delle imposte patrimoniali dovute da parte delle persone fisiche, delle società semplici e degli enti non commerciali, residenti in Italia, che possiedono immobili e/o attività finanziarie all’estero (IVIE e/o IVAFE);

  • l’IVA dovuta sui maggiori ricavi o compensi dichiarati per migliorare il proprio profilo di affidabilità in base agli ISA.

  • il versamento del saldo iva riferito al 2022.

  • il diritto camerale.

  • contributi dovuti da artigiani, commercianti e professionisti iscritti alle relative Gestioni separate dell’INPS

Analogamente a quanto era stato chiarito dalla risoluzione Agenzia delle Entrate 16.7.2007 n. 173 in relazione ad una pregressa proroga riguardante i soggetti interessati dagli studi di settore, il differimento al 20/07/2023, senza la maggiorazione dello 0,4%, dovrebbe applicarsi anche in relazione ai contributi INPS dovuti dai soci di srl, artigiane o commerciali interessate dalla proroga in esame ma che non applicano il regime di “trasparenza fiscale”.

Tuttavia, in base a quanto era stato chiarito dalla risoluzione Agenzia delle Entrate 25.9.2013 n. 59 sempre con riferimento agli studi di settore, il differimento è limitato al versamento dei suddetti contributi INPS, mentre le imposte dovute (es. IRPEF e relative addizionali, cedolare secca) rimangono “ancorate” alle ordinarie scadenze, in quanto non dipendono direttamente dal reddito dichiarato dalla società partecipata.


Dott. Caglieri Simone



Comments


Commenting has been turned off.
bottom of page